Le 5 ragioni per cui vale la pena conoscere una trans

Le 5 ragioni per cui vale la pena conoscere una trans

Perché conoscere una ragazza trans di Torino è bello, eccitante e travolgente? Ora ve lo raccontiamo e spezziamo qualche lancia a favore di queste splendide ragazze!

Il bello delle trans di Torino

È più facile entrare in sintonia con una ragazza trans

Di solito, le ragazze trans sono alla mano, di compagnia, amano chiacchierare e scherzare. La loro parte maschile le rende molto vicine agli uomini come interessi, come il calcio e il videogames, ma anche come modo di fare. Hanno un carattere schietto e diretto, proprio come apprezzano gli uomini.

Le ragazze trans hanno i piedi per terra

Proprio per il loro passato, di solito, le donne trans hanno i piedi ben piantati a terra e pochi grilli per la testa. Sanno cosa vuol dire lavorare duro e sanno come affrontare le avversità e i momenti difficili. Sono brave ascoltatrici e sanno dare buoni consigli. Ecco perché possono rivelarsi delle ottime amiche e compagne.

Sono molto sexy

Le ragazze trans ci tengono particolarmente alla loro cura personale, proprio per far risaltare al meglio la loro femminilità. Così i capelli sono sempre lucenti, hanno un corpo da urlo con le curve al posto giusto, non soffrono di cellulite e indossano lingerie provocante e vestiti che mettono in risalto le loro forme.

A letto una trans sa come renderti felice

Nessuna donna potrà mai conoscere bene un uomo quanto una trans, per ovvi motivi. Così a letto potrai provare cose che non hai mai provato prima. Le trans, poi, proprio per la loro natura maschile, sono passionali e molto coinvolte, e amano il sesso almeno quanto te.

Le ragazze trans non hanno il ciclo

Ma quanto è bello! Le trans non soffrono di sindrome premestruale (;)), non c’è pericolo che restino incinta, nè che siano di cattivo umore, e tutte le altre piccole buone cose che questo comporta. I maschietti apprezzeranno sicuramente!

Trans Torino: la parola a te!

E tu vorresti conoscere una trans? Lascia un commento!

In questo articolo abbiamo parlato di:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *