Con l’ananas la vagina è più dolce: i segreti del sesso orale

Con l’ananas la vagina è più dolce: i segreti del sesso orale

Questa notizia potrebbe interessare tutti i maschietti in ascolto che non si tirano indietro quando si tratta di scendere nel boschetto per fare del sesso orale alla loro compagna. Quali sono gli inconvenienti del cunnilingus? Essenzialmente due: i peli pubici che, anche se tagliati, spesso rispuntano e quando arrivano in bocca non sono proprio piacevoli. E poi l’odore, può succedere che l’odore della vagina non sia proprio dei più invitanti. Le ragioni sono molteplici, un goccino di pipì che è rimasta a inumidire il pelo, oppure una cattiva alimentazione.

ananas vagina

La vagina odora davvero di quello che le donne mangiano?

Fino ad oggi sapevamo che l’alimentazione influenza in modo diretto il sapore e la consistenza dello sperma. E la vagina? Anche l’ambiente ricco di batteri della vagina è conseguenza diretta dell’alimentazione di una persona. E sembra che ci siano alcuni cibi che possono migliorare l’odore e il sapore anche del sesso femminile.

In particolare hanno scoperto che le donne che mangiano ananas hanno una vagina dolce e profumata, fresca appunto come lo stesso frutto. Ecco dunque schiere di donne a cui piace farsi praticare sesso orale pronte ad aumentare il consumo di frutta, in barba al chilometro zero, visto che gli ananas sono frutti tropicali ed alle nostre latitudini non crescono bene.

Se invece una donna beve molti caffè ed esagera con la birra, quasi sicuramente la sua vagina avrà un gusto amaro. Non si tratta di vere e proprie ricerche scientifiche, ma di una questione che è stata sollevata da un utente di Reddit e che ha fatto un sacco di scalpore.

Naturalmente i consigli degli esperti sono di avere una dieta equilibrata e varia, cercando di ridurre l’apporto di zuccheri, che nel caso della vagina sono anche in parte responsabili di infezioni di Candida. E la candida, potete starne certi, non vi farà profumare la vagina.

In questo articolo abbiamo parlato di:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *