Incontri con escort e non solo

Incontri con escort e non solo

Incontri a Torino

Con Accompagnatrici, Escort e non solo…

I siti d’incontri spopolano, le bacheche sono piene di annunci e internet è diventata la nuova piazza del paese per milioni di uomini e donne in cerca dell’anima gemella o di una notte di avventura. Ma cosa succede realmente dietro alle quinte? Sui profili privati, nelle chat o nei messaggi di posta elettronica? I nostri Robinson Crusoe riescono effettivamente a trovare quello che cercano?

Amore sul web ai tempi del web: gli annunci personali e i siti di dating online funzionano?

Bacheche online: l’amore online esiste o si tratta solo di una mera illusione? Secondo una ricerca presentata dall’università di Chicago, l’Amore esiste e ci aspetta sul web. Il sondaggio è stato condotto su un campione di 20mila statunitensi sposati tra il 2005 e il 2012, un terzo dei quali ha incontrato il partner proprio grazie a internet.

Escort

A quanto pare le coppie nate sulla rete, non solo funzionerebbero molto bene, ma sarebbero anche destinate a durare più a lungo. I risultati del campione analizzato dimostrano che i partner conosciutisi nel mondo virtuale si dichiarano più soddisfatti del loro rapporto rispetto a quelli conosciutisi nella vita reale. Il punteggio medio assegnato alla risposta dai primi è, infatti, di 5,64 contro 5,48 dei secondi.

Non solo: i matrimoni nati su internet sembrano destinati a durare più a lungo. Tra i rapporti presi a campione, il 6% delle unioni nate online è arrivato al capolinea, contro il 7,6% delle unioni tradizionali.

Gli uomini e le donne intervistate hanno un’età compresa tra i 30 e i 39 anni, una posizione stabile e ben pagata e il 45% di loro dichiara di essersi conosciuta grazie ad un sito di appuntamenti online.

La ricerca dimostra come il web può cambiare gli esiti e le dinamiche del matrimonio. Anche se le ragioni del successo sono ancora da chiarire. Secondo gli esperti dell’università di Chicago, le principali motivazioni sono da ricercarsi nell’ampia varietà di scelta presente online, ai criteri di affinità e selezione sempre più precisi e anche alla forte motivazione dei single che frequentano le bacheche e i portali specializzati.

Il lato più strano del dating online: esperienze e testimonianze

Siti d’incontri e annunci in bacheca: le inserzioni più strane
A volte il web riserva grandi risate. Tra annunci personali e incontri in chat, di persone bizzarre ce ne sono tante su internet. Ecco alcune testimonianze:

Maschio single cerca carnosa superdonna che sia titolare di un birrificio e curi il suo orto. La disponibilità di biglietti gratis per le partite e un plus, così come lo è avere una sorella gemella con mentalità aperta.

Ragazza di bella presenza e seria cerca ragazzo con le stesse qualità, disposto ad accompagnarla in lunghe sedute di shopping senza lamentarsi.

Conte cerca contessa per fare i conti.

AAA Ciclope adultero irriducibile cerca donna capace di chiudere un occhio.

Fratelli siamesi conoscerebbero signorine disinibite per amore di gruppo.

Uomo serio di mezza età cerca donna seria disponibile al matrimonio e a giocare a carte.

Annuncio doppio, con doppia foto:

un gatto e un giovane uomo. Bel gattino maschio di 4 mesi, pelo grigio e occhi azzurri, giocherellone e amichevole, molto affettuoso. Ideale per famiglia con figli.

Oppure: Bel marito, 33 anni, socievole, divertente, buon lavoro, è allergico ai gatti.
L’annuncio si chiude con: o se ne va lui o me ne vado io.

Uomo fedifrago cerca donna fedifraga per relazione stabile di tradimenti reciproci.

Incontri reali a Torino

Non da tutti gli incontri nasce l’amore, non tutti vanno a buon fine, eppure ognuno può insegnarci qualcosa, o semplicemente divertirci o farci riflettere. A volte, però, viene proprio da chiedersi chi ce l’abbia fatto fare! Nei siti di dating è facile incontrare persone a dir poco bizzarre. Abbiamo raccolto per voi un paio di testimonianze.

Anna racconta:

Un anno fa circa, mi sono incontrata con un ragazzo conosciuto attraverso un sito di appuntamenti. Abitiamo nella stessa città, mi ha trovata lui e da subito mi è sembrato troppo perfetto per essere vero. Bello, intelligente, facoltoso, con un ottima carriera avviata. Ma siccome sono un po’ come San Tommaso, ho deciso che dovevo assolutamente vederlo prima di poter credere al mio infallibile istinto. D’altronde se realmente fosse stato chi diceva di essere, mi sarei persa un’opportunità irripetibile. Quindi ci sono andata.

Il giorno prima dell’incontro, mi era capitato un brutto incidente con la macchina, non mi ero fatta niente, ma la mia auto aveva subito gravi danni e in quel momento ero giù di morale. Così ho pensato che l’appuntamento avrebbe potuto tirarmi su di morale e invece…

Quando mi è venuto incontro, mi sono sentita sollevata dal vedere che l’aspetto fisico corrispondeva con quello delle foto che mi aveva mandato. Tutto sembrava filare liscio, fino a quando non ci siamo seduti al ristorante. Qui, ho cominciato a raccontagli dell’incidente che avevo avuto e lui, a sua volta, mi ha raccontato dei suoi problemi con le auto, 21 multe per alta velocità, 2 volte arrestato e 1000 euro di assicurazione. Questo sarebbe dovuto essere un campanello di allarme più che sufficiente.

Ma ho lasciato che la serata proseguisse in un pub, perché tutto sommato il ragazzo si era dimostrato divertente e trovavo piacevole la sua compagnia. Qui, tra una golata e l’altra di birra, ha iniziato a raccontarmi dei suoi gradi di parentela con diversi personaggi famosi, tra gli altri ha nominato Sofia Loren e Pippo Baudo, e di come passasse le sue vacanze tra Montecarlo e Saint Moritz. A questo punto, le fette di prosciutto mi sono finalmente cadute dagli occhi e mi è apparso palese che si trattasse di un bugiardo cronico. Probabilmente niente di tutto quello che mi aveva detto fino ad allora era vero.

Con la scusa di essere stanca, mi sono alzata e me ne sono andata. Lui ha provato a chiedermi di restare ancora un po’, ma io ho declinato l’invito con il massimo della gentilezza di cui ero capace in quel momento.

Giorgio racconta:

Un giorno mi sono iscritto ad un sito d’incontri, avevo voglia di conoscere gente nuova e fare quattro chiacchiere con qualcuno di diverso dai soliti quattro amici, chissà magari avrei anche potuto incontrare una ragazza interessante. Dopo alcuni profili scartati, ho trovato lei, un’artista, mora, affascinante, grandi occhi scuri.

Da subito, la ragazza mi è sembrata simpatica e così, passata una settimana da quando avevo iniziato a scriverle, le ho chiesto un appuntamento. Siamo usciti a berci qualcosa una sera della settimana, l’atmosfera era allegra e la conversazione brillante, così quando mi ha chiesto di andare a casa sua, ho accettato.

Il suo appartamento era piccolo e accogliente, pieno di modellini e schizzi dappertutto. Mi ha ritagliato un angolo sul divano e mi ha fatto accomodare. Io già mi pregustavo il gran finale mentre mi sedevo e mi mettevo a mio agio. Invece lei si è alzata ed è sparita dietro ad una porta, tornando poco dopo con tutti gli attrezzi del mestiere.

− Mi piacerebbe ritrarti,- ha detto. – Puoi toglierti i vestiti?
A quelle parole il mio castello per aria è crollato. Me ne sono tornato a casa mogio mogio e ho deciso che con gli artisti avevo chiuso per un po’.

Come cercare l’uomo giusto sui siti di incontri

Se da una parte, internet amplia notevolmente le possibilità di trovare l’uomo e la donna giusti, dall’altra forse rende le cose un po’ difficili ingrandendo troppo il campo. Quando la scelta è troppo vasta, è più faticoso focalizzare le cose realmente importanti e il rischio di perdersi in aspetti futili diventa maggiore.

Quali sono le principali regole per individuare i perditempo?

  • Evitate persone di città lontane, a meno che non abbiate intenzione di trasferirvi prima o poi, in un futuro più o meno prossimo. Una relazione a distanza è difficile e comporta sacrifici fin dall’inizio. Senza contare che un uomo o una donna che abbiano intenzioni serie, probabilmente cercheranno qualcuno di più vicino per poter costruire qualcosa di stabile.
  • Evitate quelli che dopo due parole in privato ti chiedono se hai la cam, webcam. Perché nella stragrande maggioranza dei casi desiderano solo guardarti e passare qualche momento di piacere via cavo.
  • Allo stesso modo, evitate quelli che ti tengono troppo in chat senza poi chiederti un incontro. È molto probabile che se anche dovessi aspettare diverse lune loro non si faranno mai avanti.
  • Attenzione a chi lasciate il vostro numero di telefono. Il suggerimento è quello di aspettare di conoscere di persona il vostro interlocutore virtuale prima di rivelargli un dato così personale. Piuttosto, se proprio desidera sentire la vostra voce sensuale scambiatevi un indirizzo skype, in questo modo, se le cose dovettero mettersi male avete sempre la possibilità di bloccarlo.
  • Attenzione a chi avete appena conosciuto e inizia già a mandarvi messaggi del tipo “buongiorno”, “buonanotte”, “piccolo fiore”, o ancora peggio “ti ho pensata/o tutto il giorno, non vedo l’ora di conoscerti”. Ma come, non vi siete mai visti e siete già intimi? O sono persone senza ben chiaro il senso della realtà o, invece, cercano di passare i confini per ottenere di più dall’incontro futuro.
  • Evitate persone che alla domanda “che lavoro fai?”, “dove vivi?” non si capisce niente delle loro risposte, ad esempio “un po’ qui, un po’ lì, faccio questo ma poi anche quest’altro”, oppure, “mi occupo di consulenza”, o ancora “abito tra Roma, Palermo e Torino”. Le risposte vaghe possono voler significare o che non vogliono rispondere o che in realtà non fanno nulla di tutto questo.

Via libera, invece, ad incontrare chi vi chiede di vedervi abbastanza presto, magari subito dopo la prima sera che vi siete parlati e chi accetta di incontrarvi in un locale in centro in ore diurne.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *