Spunta il porno durante gli slide di presentazione a scuola

Spunta il porno durante gli slide di presentazione a scuola

Ecco una storia che ha fatto sbellicare in molti dall’altra parte del globo terrestre. Accade in Australia, dove un famoso giocatore di rugby di nome Jarryd Hayne, fullback dei Gold Coast Titans, ha fatto davvero una brutta figura mentre teneva una presentazione in una scuola superiore. Nel mentre scorrevano le slide e Jarryd spiegava, improvvisamente è andata per sbaglio in onda una mini clip tratta da un video porno.

pornhub

Hayne stava tenendo un piccolo seminario sulla sicurezza online di fronte ad un pubblico composto da centinaia di studenti, presso la Robina State High School, nella regione australiana del Queensland. Un evento sponsorizzato dalla società di sicurezza informatica Norton. Mentre le immagini del display del suo smartphone venivano proiettate in sala, Hayne compiva tutti i passi necessari alla dimostrazione. Prima si collega alla rete WiFi pubblica, poi scorre la sua cronologia di navigazione, per far capire in che modo informazioni potrebbero essere intercettate… e d’improvviso sullo schermo gigante del videoproiettore appare il sito di porno tube per adulti PornHub. Sullo schermo gigante sono apparsi atti osceni, dettagli su atti di penetrazione, e poi una donna in topless. Vi potete immaginare prima il silenzio, l’attimo di gelo in sala, poi il turbine del chiacchiericcio e delle risatine.

pornhub

Ho chiuso il mio telefono subito per disconnettermi dal videoproiettore”, ha dichiarato il giocatore australiano. Inutile dire che il rugbista è diventato viola dall’imbarazzo. Ma in suo aiuto sono giunti i tecnici di Norton che hanno appurato che non si è trattato di una Cronologia non ben ripulita, quanto piuttosto di un attacco esterno. Un altro dispositivo era entrato nella rete e aveva inserito la schermata del sito pornografico.

La dimostrazione presso l’istituto scolastico è stata così anche l’occasione per mettere in luce sui pericoli delle connessioni libere alle reti WiFi aperte, nelle quali è facile infiltrarsi.

In questo articolo abbiamo parlato di:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *