È esplosa la mania del fetish, da Miley Cyrcus al ministro giapponese

È esplosa la mania del fetish, da Miley Cyrcus al ministro giapponese

Da Oriente ad Occidente, sembra che il lato più estremo e hot del sesso vada di gran moda, se il ministro Yoichi Miyazawa passa le serate nei club BDSM, la cantante Miley Cyrcus si esibisce nei suoi video vestita da lacci e corde.

Da Est

Il Giappone va pazzo per il fetish. Lo Shinjukku’s Club a Tokyo è famoso, organizza serate bondage ed ero-cosplay, in cui si gira tutti nudi vestiti solamente da strisce di pelle, borchie, corde, o catene. Sul palco spettacoli a tema e in giro si vendono gli ultimi prodotti BDSM.

Lo sa bene il ministro del governo, Yoichi Miyazawa, che la scorsa settimana è finito nei guai proprio a causa del suo vizietto. L’irreprensibile ha segnato nella nota spese la notte passata al “SM Bar” di Hiroshima City, famoso locale sadomaso. Non si è mica preoccupato di essere più discreto. Il ministro, però, ha negato il fatto affermando di non essere mai stato al club, sarà vero?

Fatto sta che in Giappone, il fetish è esploso come una vera e propria mania. Oltre ai club, c’è la vasta produzione di sex toys a dimostrarlo. Come l’ultimo successo, il “Chokyo Shojo Bondage Virgin Manami Sujiman”, ovvero una finta vagina da schiava, con tanto di segni delle corde incisi sulla pelle. Oppure lo “Shibari Kinbaku Fetish Onahole”, che altro non è un mezzo busto di donna con tette e vagina in silicone.

A Ovest

Ma il fetish non va di moda solo nel lontano Oriente. Miley Cyrcus, pop star in cima alle classifiche musicali di tutto il mondo, ne ha fatto la sua arma per una rivoluzione da vera e propria bad girl. Svolta sado decisa per la cantante, lanciata dal video decisamente hot, “Tongue Tied” girato dal filmmaker inglese Quentin Jones. Miley non si è fatta mancare niente, costumi in lattice, corde e catene. Lei sempre più nuda, simula soffocamenti e contorsioni, chissà se gli amanti del genere apprezzeranno!

shibari-kinbaku-sex-toy-605676

In questo articolo abbiamo parlato di:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *