Giovani e nuove pornostar, vi presentiamo Jessie Andrews

Giovani e nuove pornostar, vi presentiamo Jessie Andrews

Jessie Adrews ha 24 anni ed è una delle più promettenti fra le giovani nuove pornostar.

Il suo nome è un mix tra quello del suo cane “Jassie” e la strada in cui stava guidando mentre cercava ispirazione per un nuovo cognome, che si chiamava appunto “Andrews”. E’ diventata famosa grazie al film porno del 2011 Portrait of a Call Girl in cui interpreta una studentessa che di notte fa la squillo.

Jessie Andrews: giovane pornostar fuori dagli schemi

Giovane pornostar dal fisico minuto e snello, Jessie è esattamente il contrario delle attrici americane tutte tette grandi e culo. La sua bellezza arriva un po’ da tutto il mondo, dalla Cina all’Irlanda. Dj, designer di gioielli e pornostar, a Jessie sembra non mancare niente. Ha anche vinto moltissimi premi, tra cui si ricorda quello di miglior porno attrice agli AVN Awards, gli oscar del porno, nel 2012.

LEGGI ANCHE: “Giovani pornostar: Remi Lacroix

Il bello di essere una pornostar

Non sembra la solita pornostar e per questo è diventata così famosa. Non è quasi mai truccata, ha un viso acqua e sapone e non si veste in modo appariscente. Però quando è davanti ad una telecamera, Jessie si trasforma, diventa disinibita ed estroversa. Quando le chiedono cosa le piace del mondo del porno, lei risponde sicura: “gli ottimi guadagni e il sesso”.

Molti la ricordano per la sua risposta ad un intervista di Vice in cui ha lasciato tutti a bocca aperta. Ammise infatti tranquillamente di essere in grado di “fare sesso in qualsiasi posizione, senza che l’uomo si muova”. Con questa frase Jessie si è guadagnata moltissimi fan che la seguono con devozione sui suoi profili social.

E a te piace Jessie Andrews? Lascia un commento qui sotto e scrivi su Piuincontri.com qual è secondo te la giovane nuova pornostar più promettente di quest’anno. Di nomi in ascesa ce ne sono tanti, da Remy Lacroix a Bonnie Rotten… ma tu, preferisci lo stile Barbie o quello ‘cattiva ragazza’?

In questo articolo abbiamo parlato di:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *