Pornostar italiane degli anni settanta

Pornostar italiane degli anni settanta

Marina Lotar è la prima pornodiva attiva in Italia

Le radici del porno in Italia si fanno risalire alla figura di Marina Lotar, attrice svedese nata nel 1944 a Göteborg. Poco più che adolescente in Svezia lavora come modella e hostess, poi dopo la metà degli anni sessanta conosce il giornalista italiano Paolo Frajese, che lavora per la RAI. I due si sposano ed anno due figli, lei viene a vivere in Italia. Nel 1975 divorzia da Paolo Frajese e debutta in “Febbre a 40”, diretto da Marius Mattei. Nel 1976 ha la sua prima particina in un film di Lucio Fulci (“La pretora”) in cui è protagonista Edwige Fenech. Poi ottiene un altro piccolo ruolo in “Emanuelle in America”, di fatto si tratta della sua prima scena hardcore, ma Aristide Massaccesi si accorge di lei. Negli anni successivi c’è spazio per un’apparizione sul Carosello RAI ed alcune fotografie sulla prestigiosa rivista Playboy Magazine. Nel 1979 arriva il primo ruolo importante in un film di un regista di culto a livello di B-Movie. La Lotar ha un ruolo primario “Immagini di un convento”, pellicola di Joe D’Amato.marina lotar - Pornostar italiane degli anni settanta
Nota anche con i nomi di Marina Hedman, Chantal Marina, Marina Frajese, Hedman Bellis Marina, Marisa Harrison e molti altri, ottiene il successo definitivo in Italia a 35 anni per i suoi ruoli in “Libidine”, un film hard del 1979 con la regia di Raniero Di Giovambattista, “Con la zia non è peccato” (1980), “i Vizi della Signora” (1982) e “Fantasia erotica in concerto” (1985).
La Lotar ha lavorato fino alla fine degli anni ottanta, poi nel 1991 e si è ritirata dalla vita pubblica.

Karina Schubert: dalla commedia sexy al porno

karin schubert - Pornostar italiane degli anni settanta

Nata sempre nel 1944, c’è un’altra straniera che ha giocato un ruolo importante nel mondo dell’erotismo al cinema. Stiamo parlando di Karin Schubert, nata ad Amburgo ed approdata a 28 anni, nel 1972, in Italia, per girare un film insieme a Edwige Fenech e Pippo Franco, la commedia sexy all’italiana “Quel gran pezzo dell’Ubalda tutta nuda e tutta calda”. Dopo aver recitato in Emanuelle nera con Laura Gemser nel 1975, la Schubert a partire dagli anni ottanta si è dedicata esclusivamente ai film pornografici.

Rimanete sintonizzati sulle pagine di Piùincontri! Nei prossimi articoli parleremo ancora delle origini del porno e di pornostar come Moana, Cicciolina, Lili Carati e Barbarella!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *