Sesso al cimitero: pornostar rischia grosso per atti osceni in luogo pubblico

Sesso al cimitero: pornostar rischia grosso per atti osceni in luogo pubblico

Sembra che dal punto di vista della libertà sessuale il Messico non sia il paese più all’avanguardia del mondo. O meglio, diciamo che in Messico c’è ancora chi si scandalizza. Un video porno girato all’interno di un cimitero è stato ritenuto scioccante dall’opinione pubblica, creando indignazione in Messico. Protagonista del video una giovane porno attrice che in Messico è piuttosto conosciuta. Si fa chiamare Janeth Rubio e il suo filmato girato in un cimitero intanto un primo obbiettivo lo ha centrato: i messicani ne stanno parlando tutti.

pornostar

Effettivamente il filmato è un po’ sacrilego: in una scena addirittura la bella attrice mora fa sesso proprio sopra una tomba. Si vede una lapide, si vede la mora latina piegata, e poi si vede sullo sfondo una foto e un nome del caro defunto. E questo, da qualsiasi punto di vista lo si guardi, non è assolutamente bello e rispettoso.
E sono state proprio queste immagini a far partire l’interesse di un tribunale di Città del Messico: adesso Janeth Rubio e la sua casa di produzione (dietro l’operazione sembra esserci il produttore messicano SexMex) sono indagati per atti osceni in luogo pubblico e i responsabili rischiano un minimo di tre mesi e un massimo di permanenza fino a due anni in carcere.

Comunque vada la pornostar Janeth Rubio ha visto accrescere ad oltre 106.000 i suoi seguaci su Twitter, tra chi condanna e chi esalta l’operazione.

Il video è stato registrato in un cimitero nella città messicana di Guadalajara. Lo scandalo nonn è nato per caso: sembra infatti che il cimitero sia uno dei più antichi della regione e alto conseguentemente è il portato affettivo delle persone che lo conoscono e che hanno i propri cari che riposano lì dentro.

A salvaguardia del sito è intervenuto anche il sindaco della città di Guadalajara, dichiarando che nessun permesso specifico sarebbe stato rilasciato.

In questo articolo abbiamo parlato di:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *