Il primo incontro: che ansia!

Il primo incontro: che ansia!

Il primo incontro è sempre una lotteria, non si sa chi si presenterà, come sarà, si va nel panico perché si ha paura di non essere all’altezza, si rischiano tante gaffe per non sembrare noiosi. La maggior parte delle volte ci presentiamo all’incontro pieni di ansia e finiamo per strafare.

Se ci fosse un’etichetta universale per il primo incontro, saremmo tutti più tranquilli e decisamente più pronti a conoscere persone diverse. Ma purtroppo nessun guru è ancora riuscito nell’impresa di scrivere il libro d’oro dei primi incontri.

Se nessuno ancora ha identificato le regole dell’incontro perfetto, qui vi offriamo comunque alcuni consigli per poterlo affrontare nel migliore dei modi.

Primo incontro

Informatevi prima

Scoprite, se potete, qualcosa della persona che state per incontrare. Mi riferisco hai suoi hobby e interessi, ma anche a che tipo di persona è: alla mano, raffinata, colta… Vi servirà per proporre qualche posto dove andare, ma anche per trovare qualche argomento di conversazione.

Evitate le battute inopportune al primo incontro

A meno che non siano riferite ad argomenti generici, fate molta attenzione a quali battute fate. Un primo appuntamento ben riuscito è quando le due persone si sentono a proprio agio. Può darsi che scherzare sull’altezza del vostro capo, quando la ragazza che avete davanti non è proprio una stangona, la possa mettere in imbarazzo.

Guardate negli occhi il vostro interlocutore

Guardare negli occhi la persona che si ha davanti mentre si conversa è sintomo di sicurezza e un’attenzione nei suoi confronti. Fatelo e state certi che ne rimarrà positivamente colpita.

Sorridete

Ma non un sorriso finto da faccia di bronzo, sforzatevi piuttosto di aprirvi ad un sorriso caldo e sincero, l’altra persona sarà invogliata a fare lo stesso.

Ascoltate

Spesso ci lamentiamo che il primo appuntamento è stato noioso o poco interessante, ma abbiamo realmente provato ad ascoltare la persona che ci stava davanti?

In questo articolo abbiamo parlato di:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *