Sesso orale: ascolti i segnali da parte di lui?

Sesso orale: ascolti i segnali da parte di lui?

Sesso orale: 3 consigli per capire se lo stai facendo bene

Il sesso orale è una parte importante del rapporto di coppia. Non tutte le coppie lo praticano, ma quelle che lo fanno sembrano avere una marcia in più. E tu? Se sei maschio, leggendo questo articolo capirai meglio se sei davvero contento dell’approccio della tua donna alla materia. In caso invece tu sia femmina, potrai scoprire meglio quali sono i dettagli, i feedback che il tuo uomo ti manda indietro. Per alcune coppie il sesso orale e i pompini sono divenuti ormai elementi fissi, quasi diritti inalienabili all’interno di un rapporto contemporaneo. Ma di fatto non si tratta di attività da svolgere meccanicamente, quanto piuttosto di raffinate tecniche di seduzione per dare e ricevere piacere

Vediamo dunque quali sono i segnali che lui manda a lei per farle capire che non lo sta facendo così bene:

1. Si distrae o si addormenta

Un conto è essere rilassati e in qualche modo concentrati. Un conto è dimostrare segnali di disinteresse, noia, stanchezza. Se lui cerca magari di spostare l’attenzione su altre cose, sulla musica, sulla televisione, se è impaziente di cambiare posizione.. chiedetevi se c’è qualcosa che potete fare per far in modo che si concentri di più sul dono che gli state facendo.

2. Si lamenta

Capita non di rado che la donna possa fare male mentre fa del bene. Magari sta schiacciando una parte delicata o semplicemente sta premendo troppo. Fateci attenzione, perché anche se è vero che in alcuni casi dolore e piacere vanno a braccetto, non per tutti gli uomini queste equazioni funzionano.

3. Sente che non ti piace quello che stai facendo

Le sensazioni sono molto importanti. Se l’uomo percepisce un senso di sconforto da parte della donna, difficilmente proverà piacere. Se lei è anoiata, se lo sta facendo controvoglia, lui lo capirà.

Se vuoi saperne di più leggi la nostra guida su come si fa sesso orale!

 

In questo articolo abbiamo parlato di:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *