Sesso: quanto deve durare un rapporto per dirsi soddisfacente?

Sesso: quanto deve durare un rapporto per dirsi soddisfacente?

La domanda non è così banale. Quanto deve durare il sesso per essere soddisfacente? E invece quanto tempo dovremo dedicare al sesso ottimale? Uno studio pubblicato nei giorni scorsi in Inghilterra rivela le abitudini a letto dei sudditi di sua maestà in relazione a quelle dei loro cugini europei. Il risultato dei britannici non è da scartare: sono al quarto posto in quanto a durata dei rapporti sessuali a livello globale. Tra le considerazioni emerse dalla ricerca i dati più interessanti e simpatici sono sicuramente quelli relativi alle comparazioni. Sembra che le coppie britanniche durano a letto un minuto più rispetto alle coppie tedesche. Infatti la media inglese è di 33 minuti. Come potremo definirla? O meglio, come la definireste in rapporto ai vostri tempi? E soprattutto, avete la minima idea di quali siano in media i vostri tempi a letto?

Sesso: quanto deve durare un rapporto per dirsi soddisfacente?

Anche se i 33 minuti degli inglesi non sembrano affatto male, sono decisamente meno rispetto ai 44 minuti dei danesi. Dopo la Danimarca arrivano gli Stati Uniti con una media da rispettare, di ben 41 minuti. Finlandia e Canada al terzo posto con 39 minuti. Inghilterra al quarto posto con Svezia e Norvegia. Germania al quinto posto con 38 minuti seguita dai 32 minuti della Repubblica Ceca e l’Irlanda al settimo posto con 31 minuti. Austria ottava con 27 minuti, nona la Svizzera con 26 minuti e l’Ungheria decima con 25 minuti.

Quanto durano gli italiani a letto?

Sembrano lontani i tempi della maglietta di Madonna Ciccone che recitava ‘Italians do it better‘. O forse quello slogan parlava semplicemente della qualità del sesso che si pratica in Italia, terra di poeti ed amatori. Oggi l’Italia con la sua media di 23 minuti spesi nel singolo rapporto sessuale non ricopre certo le prime posizioni, anzi. Con i nostri ventitré minuti di media non siamo nemmeno nelle prime dieci posizioni.

In questo articolo abbiamo parlato di:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *