Cosa succede quando una donna non è ben lubrficata

Cosa succede quando una donna non è ben lubrficata

Oggi affrontiamo un argomento tipicamente femminile, che però deve essere preso con grande attenzione anche dagli uomini. Non ci stancheremo mai di ripetere infatti che il sesso si fa in due, e conoscere cosa sta accadendo alla tua partner non può far che bene alle tue relazioni e ai tuoi rapporti sessuali in generale.

Cosa succede quando una donna non è ben lubrficata 

Oggi dunque parliamo del sesso doloroso, quando cioè fa male. Il sesso non è sempre così piacevole, secondo una ricerca di qualche anno fa il 30% delle donne prova dolore durante il rapporto. Il dolore è una sensazione attraverso cui il corpo segnala che qualcosa non funziona, qualcosa va cambiato. Ecco perché il dolore è un aspetto da condividere all’interno della coppia. È un segnale, non ascoltarlo significa condannarsi ad una relazione zoppa e senza futuro.

I motivi del dolore nelle donne sono molti, essenzialmente si può dire che le donne sono più lente ad eccitarsi rispetto ai maschietti, che hanno bisogno di una buona lubrificazione.. ma spesso si può dire lo stesso degli uomini.

Per le donne dunque i preliminari non solo sono importanti, ma spesso anche essenziali, perché fanno affluire sangue nella zona dei genitali e attivano la lubrificazione. Secondo l’osservazione empirica degli scienziati i tessuti vaginali arrivano ad essere sufficientemente lubrificati non prima di 7 minuti dopo che il cervello è entrato in gioco. Inoltre molti sono i fattori che possono condizionare la lubrificazione: docce e bagni caldi possono contribuiscono a seccare le secrezioni vaginali, mentre alcune pillole anti-allergiche o pillole anticoncezionali possono causare secchezza vaginale.

Le soluzioni contro la mancata lubrificazione che provoca dolore possono essere molte:
un incontro sensuale in cui si allungano i baci e i preliminari
un tubetto di lubrificante pronto all’uso
un amante che pratica del buon sesso orale prima della penetrazione

In questo articolo abbiamo parlato di:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *