Sondaggio rivela: qual è la durata media di un rapporto sessuale soddisfacente?

Sondaggio rivela: qual è la durata media di un rapporto sessuale soddisfacente?

Quanto deve durare un rapporto sessuale per essere considerato buono, soddisfacente?

All’annosa domanda hanno risposto 3.836 persone eterosessuali di età compresa tra i 18 e i 50 anni, intervistate tramite un sondaggio effettuato per vie digitali. A realizzare la ricerca è stato il sito di incontri Saucy Dates, che ha un audience internazionale di pubblico prevalentemente anglofono.

durata sesso

Due sono state le domande poste al pubblico

  • 1″L’ultima volta che hai fatto sesso (rapporto sessuale, non preliminari), quanto è durato?”
  • 2″Per quanto tempo vorresti che il sesso (rapporto sessuale, non i preliminari) durasse?”

Due domande secche che cercano di tirare fuori un dato fondamentale: qual è la durata media di un rapporto sessuale considerato soddisfacente? Quando si tratta di sesso infatti ognuno ha le sue abitudini. Alla fine la media delle risposte rispetto a quanto dovrebbe durare un buon rapporto sessuale è stata di 25 minuti e 51 secondi per le donne e 25 minuti e 43 secondi per gli uomini. Per quanto riguarda le nazioni di provenienza del campione sondato è risultato che i maschi americani sono stati quelli che hanno dimostrato avere maggiore resistenza, tra le lenzuola, con in canadesi subito dietro. Più indietro i britannici, che migliorano con l’età, raggiungendo il loro picco quando raggiungono i trent’anni. Gli australiani invece raggiungono il meglio della condizione a 45 anni, diventando degli amatori favolosi.

Se si guarda tuttavia alla durata reale dei rapporti i dati sono decisamente diversi. La realtà si differenzia profondamente dalla condizione ottimale. La media è di 5,4 minuti nella maggior parte dei paesi, Stati Uniti, Regno Unito, Paesi Bassi e Spagna. La Turchia, d’altra parte, in media 3,72 minuti. Comunque vada, che se ne faccia troppo o troppo poco, non esiste una formula magica riguardo ai numeri del sesso.

 

 

In questo articolo abbiamo parlato di:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *