Dimmi in che posizione dormi e ti dirò come fai sesso

Dimmi in che posizione dormi e ti dirò come fai sesso

Secondo una recente ricerca realizzata da Mattress Advisor, marketplace online che fornisce guide e comparazioni sui materassi, le posizioni che assumiamo quando dormiamo possono dire molto sulla nostra relazione. Ma c’è di più, le nostre posture da dormienti influirebbero anche sulla frequenza con cui facciamo sesso.

posizioni

La ricerca di Mattress Advisor ha interessato un campione di 1.000 persone che vivono in coppia. I risultati venuti fuori sono molto interessanti: ci sono quelli che si addormentano l’uno di fronte all’altro, con le gambe e/o le braccia intrecciate, che hanno una frequenza di 4,2 in una scala di 5, dove 5 corrisponde a fare sesso tutte le notti.

Naturalmente ci sono posizioni preferite da lei e odiate da lui, così come il contrario. In genere i maschi non amano la posizione detta del cucchiaio: lui è sdraiato di schiena e lei gli sta appoggiata addosso con la testa o altre parti del corpo. Comunque vada, anche se a lui questa posizione risulta scomoda, dai test è venuto fuori che le coppie che sono solite dormire in questo modo sono le seconde con una maggiore frequenza sessuale.

Una scelta di posizione che invece è molto salutare è quella ‘di lato‘. Secondo la scienza medica rannicchiarsi su di un fianco porta benefici alla respirazione e alle ossa. Ma in questa posizione il contatto tra i partner è minore e si limita al più alle natiche.

Comunque vada dobbiamo prendere i risultati di questa ricerca a mero scopo esemplificativo. Sono poche infatti quelle persone che rimangono fisse in una singola posizione per tutta la notte. Secondo l’analisi il 76,5% degli intervistati ha dichiarato di cambiare posizione più volte durante la notte.

Dall’altro lato il sondaggio ha fatto venire fuori anche una verità diversa: la maggior parte delle coppie che stanno insieme da oltre 30 anni (il 37,5%) è solita dormire con uno spazio di divisione tra i corpi.

In questo articolo abbiamo parlato di:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *