Fa sesso orale al suo ragazzo e resta con la mandibola bloccata

Fa sesso orale al suo ragazzo e resta con la mandibola bloccata

No, non è uno scherzo, è successo davvero ad una ragazza che stava facendo sesso orale al suo ragazzo, e ad un certo punto quando si è staccata non è più riuscita a chiudere la mandibola.

Sembra pazzesco, eppure è capitato. La povera sfortunata è dovuta correre al pronto soccorso, con la bocca spalancata. I medici sono intervenuti subito per riuscire a rilasciare la muscolatura.

sess

Il caso: bloccata con il sesso orale

Il fatto è accaduto in una piccola cittadina in provincia di Torino, protagonisti una coppia di giovani che stanno assieme da un paio d’anni ormai. Il personale del pronto soccorso ha chiesto ad entrambi come fosse andata, perché nessuno credeva al racconto improbabile che il ragazzo ha farfugliato quando sono arrivati. Lei, ovviamente, non riusciva a parlare. Anzi urlava dal dolore. Quando i medici hanno risolto. Hanno chiesto anche alla ragazza di esporre i fatti e le due storie combaciavano alla perfezione. Hanno anche dichiarato che era la prima volta in assoluto che accadeva e che hanno sempre avuto rapporti normali e senza imprevisti.

13071

Che cos’è successo realmente?

Lui coricato sul letto lei sopra accucciata che gli faceva sesso orale, niente di strano insomma. Ma quando si è staccata però, ha capito subito che qualcosa non andava. Ha provato a chiudere la bocca, ma non ci è riuscita. La mandibola si era bloccata.

Ma è possibile davvero? Secondo i medici, che non avevano mai visto un caso simile, sembra che sia stato una specie di crampo a bloccare i muscoli facciali della giovane donna. Lei ha ammesso di essersi sentita parecchio stanca ad un certo punto, in quanto il rapporto orale stava durando più del solito.

Leggi anche: “Sai fare sesso orale ad una donna?

13025

Per fortuna ogni cosa si è risolta per il meglio. I medici hanno rilassato la muscolatura, hanno dato un calmante a lei e li hanno rispediti entrambi a casa.

In questo articolo abbiamo parlato di:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *