Le 5 ragioni per cui fa bene al sesso dormire separati dal proprio partner

Le 5 ragioni per cui fa bene al sesso dormire separati dal proprio partner

Dormire insieme può essere, a volte, piacevole, ma dormire separati, anche se molte coppie, per abitudine, non lo fanno spesso, è da consigliare per diverse ragioni. Sarebbe invece opportuno prendersi questa piccola libertà, e non dimenticare che una coppia può avere un’intensa vita sessuale pur restando in letti separati.

dormire da soli dopo il sesso

Russare è un “difetto” molto comune, e costituisce un buon motivo per dormire da soli. In questo modo, chi russa si sentirà libero e tranquillo, e chi è costretto a subire, riuscirà finalmente ad addormentarsi senza difficoltà. Con il risultato di una migliore armonia di coppia.

Ognuno ha una percezione diversa della temperatura, e dormire con qualcuno che ha freddo anche in estate o tiene la finestra aperta anche in inverno, nel corso del tempo può diventare spiacevole. La libertà della solitudine notturna sarà sicuramente piacevole per entrambi.

I bioritmi sono personali e differenti, c’è chi ama alzarsi all’alba e si addormenta poco dopo il tramonto, e chi lavora per metà della notte e si alza tardi. A meno che non si abbiano, per motivi professionali, gli stessi orari, l’ideale è che ognuno possa assecondare il proprio ritmo interiore senza infastidire gli altri.

C’è chi legge fino a tardi e chi ama ascoltare musica, c’è chi preferisce un film o navigare nei social, c’è chi, prima di dormire, si prepara una tisana, e chi corre sul tapis roulant. Negarsi questi piccoli vizi per non disturbare l’altro è assurdo: basta lasciare spazio, qualche volta, anche a piccoli piaceri condivisi.

Se in casa ci sono bimbi piccoli, è probabile che, per prendere sonno, si trovino meglio con uno o l’altro dei genitori. A questo punto, l’ideale è lasciare che il bambino possa decidere da solo il prima possibile nel suo percorso di vita con quale dei due trascorrere la notte, permettendo invece all’altro di addormentarsi tranquillamente.

In questo articolo abbiamo parlato di:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *