Vuoi fare sesso? Allora spegni il cellulare

Vuoi fare sesso? Allora spegni il cellulare

A dirlo uno studio della Durex che ha messo in evidenza come i cellulari assorbano tutto il nostro tempo anche quello che dovremmo dedicare ad attività piacevoli, come fare sesso con il nostro partner.

La ricerca di Durex

fare sesso orale

Il noto marchio di preservativi e benessere sessuale ha mostrato gli inquietanti dati dell’ultimo sondaggio condotto. Il 60% degli intervistati dichiara di essere deluso dal rapporto intimo con il proprio partner. La maggior parte vorrebbe dedicare al sesso più ore, ma nonostante i buoni propositi, gli impegni e i device tecnologici sempre accesi sarebbero diventati un ostacolo insormontabile. Il dato più allarmante è che il problema riguarda principalmente i giovani sotto i 35 anni, sono loro, infatti, ad essere sempre connessi su internet e in particolar modo sui social media. Proprio le piattaforme social sono state identificate come la primaria fonte di distrazione. Insomma, la gente preferisce stare sui social, invece, di fare sesso e godere dell’intimità con la persona amata.

La prova del nove

fare sesso

Dopo aver confrontato i dati, Durex ha decido di fare un esperimento. Ha preso alcune coppie, le ha portate in un hotel al mare e le ha divise. La metà ha potuto tenere i propri cellulari durante la permanenza nell’albergo, mentre l’altra metà ha dovuto spegnere i telefoni. Dopo una settimana, la situazione era palese a tutti, anche ai partecipanti. Chi aveva tenuto lo smartphone passava molto tempo attaccato allo schermo piuttosto che parlare con il partner o vivere con lui i momenti più belli. Mentre chi non aveva il cellulare si è potuto godere ogni attimo della vacanza.

Morale della storia: per migliorare l’intimità con la tua compagna devi disconnetterti da internet, spegnere computer e cellulare e riscoprire il piacere di guardarla negli occhi, sussurrarle parole dolci, accarezzarla, farle le coccole, regalarle un piacevole massaggio e fare sesso senza la fretta di controllare chi ti ha scritto nel frattempo.

In questo articolo abbiamo parlato di:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *